Sognando un Natale verde

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Articoli
  • Tempo di lettura:7 minuti di lettura
Al momento stai visualizzando Sognando un Natale verde

Il Natale è il momento di condividere l'amore e la gioia, un momento per rievocare bei ricordi con i propri cari. Purtroppo, negli ultimi tempi, l'eccessiva indulgenza e le spese eccessive sono diventate un'abitudine comune. Quest'anno, con l'eco dei negoziati sul cambiamento climatico della COP26, è importante riflettere su come fare acquisti più sostenibili ed ecologici.

Pole ballerino Julianna Yau e artista dell'upcycling Michal Hochberg hanno collaborato per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'impatto dei rifiuti e per condividere i consigli per ridurre gli eccessi nel periodo natalizio. Nello spirito dell'adagio "La spazzatura di una persona è il tesoro di un'altra", il co-progetto prevede la danza aerea di Julianna con un'opera di Michal: un albero di Natale costruito interamente con bottiglie riciclate, gentilmente fornite da Baguio.

Michal usa la sua arte per incoraggiare l'upcycling creativo degli oggetti che possediamo, invece di buttarli via semplicemente perché non sono più come nuovi. Tutte le sue opere sono create riutilizzando mobili, bottiglie di vetro e altri materiali di scarto. Con il loro progetto, il duo desidera ispirare una nuova prospettiva sul Natale e dimostrare che è possibile godersi la stagione con una maggiore consapevolezza dell'ambiente.



Parlando dell'ispirazione alla base del progetto, Julianna dice: "L'eccessivo sfruttamento della terra ha messo in pericolo molte specie di piante e animali, quindi speriamo che attraverso questo progetto possiamo contribuire a sensibilizzare l'opinione pubblica per ripristinare le foreste della nostra Terra, proteggere la biodiversità e condividere le gioie di un Natale consapevole e con pochi rifiuti".

Il Natale è un progetto stravagante e costoso per molte famiglie. Una celebrazione che avrebbe dovuto riguardare i valori non materiali e la spiritualità è diventata radicata nel materialismo.

Ad esempio, l'albero di Natale è una delle tradizioni più festose di questa festa. Quando si allestisce un albero di Natale, si porta un po' di natura in casa. La vostra macchia di verde crea una calda atmosfera natalizia in un momento in cui fuori è freddo e buio. Ma una volta scartati i regali, divorati gli avanzi e messi al sicuro gli ornamenti, il vostro splendido pezzo da esposizione si trasforma immediatamente in un rifiuto. La maggior parte degli alberi acquistati in questo periodo sono alberi artificiali, che non sono biodegradabili e spesso finiscono in discarica o inceneriti, con un terribile impatto sull'ambiente attraverso le emissioni.

Ci sono cose semplici che tutti noi possiamo fare per ridurre il nostro impatto:

1. Acquisti locali. I regali di Natale sono veri e propri gesti di premura. Si può dare di più spendendo meno. Non tutti i regali devono essere acquistati in negozio.

2. Acquisti locali. Molti regali sul mercato odierno provengono da mezzo mondo e l'impatto del trasporto contribuisce in modo significativo alle emissioni di gas serra e al riscaldamento globale. Le fiere dell'artigianato locale e le botteghe artigiane sono una buona fonte di regali che non comportano i costi aggiuntivi del trasporto.

3. Regali "senza batteria". Secondo l'EPA, circa 40% di tutte le vendite di batterie avvengono durante le festività natalizie. Le batterie scartate sono un pericolo per l'ambiente. Anche le batterie ricaricabili finiscono nel flusso dei rifiuti.

Più in generale, possiamo tutti cercare di essere più attenti alle piccole scelte che facciamo. Riutilizzate o riciclate le confezioni regalo, conservate i pacchetti regalo speciali, inviate cartoline elettroniche o fatele in casa. Ricordate solo che non abbiamo bisogno di una manciata di persone che si comportano perfettamente a rifiuti zero. Abbiamo bisogno di milioni di persone che lo facciano in modo imperfetto.


Crediti